Dipartimento di Prevenzione


La salute vien mangiando frutta e verdura!

Non solo la verdura e la frutta sono buone, ma possono anche ridurre il rischio di cancro, malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, ipertensione e molte altre patologie.

Presso alcuni supermercati della provincia si sono svolte o si svolgeranno delle giornate per sensibilizzare le cittadine ed i cittadini ad un maggiore consumo di frutta e verdura
ZoomansichtPresso alcuni supermercati della provincia si sono svolte o si svolgeranno delle giornate per sensibilizzare le cittadine ed i cittadini ad un maggiore consumo di frutta e verdura

Il consumo regolare di frutta e verdura è salutare e può prevenire numerose malattie. Il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, in collaborazione con l’Ufficio Prevenzione, Promozione della salute e Sanità pubblica dell’Assessorato alla Salute, ha di recente lanciato la campagna di prevenzione "5 x frutta e verdura al giorno", che intende sensibilizzare la cittadinanza al regolare consumo di 5 porzioni di frutta e verdura ogni giorno.

 Nello specifico sono consigliate tre porzioni di verdura e due di frutta da consumarsi durante l’arco della giornata. Ma, a quanto corrisponde una porzione? Per comprenderlo è sufficiente usare le proprie mani come unità di misura. La quantità è dunque facilmente misurabile e si adatta perfettamente al fabbisogno del singolo individuo. Molto più facile che non utilizzando sempre una bilancia. Una porzione corrisponde all’incirca ad un pugno. Per verdure tritate, insalata o frutti di bosco, corrisponde invece a due mani colme. Poiché le mani dei bambini sono più piccole di quelle degli adulti, anche le loro porzioni devono essere più piccole.

Cosa rende la verdura e la frutta così sane?

Gli ortaggi e la frutta contengono numerosi ingredienti salutari: vitamine (precursori della vitamina A – specie carotenoidi -, vitamina C ed acido folico), sali minerali (magnesio, potassio, calcio, ferro, iodio, selenio), fibre e fitocomposti. Le verdure hanno il vantaggio di fornire poche calorie contro un elevato contenuto di nutrienti.

Meglio di tanti colori!

I cosiddetti fitocomposti sono i responsabili del colore e dell’aroma di frutta e verdura. Possiedono diverse proprietà e hanno funzioni importanti: combattono batteri e prevengono infezioni, riducono l’infiammazione, abbassano i livelli di colesterolo nel sangue e la pressione alta, infine proteggono contro alcuni tumori.

Cruda o cotta?

Preferibilmente sarebbe meglio consumare verdura e frutta crude. Per la cottura meglio i tempi di cottura brevi e con poco liquido di cottura in aggiunta. Metodi di cottura ideali sono la cottura al vapore, la rosolatura breve e l’utilizzo del forno a microonde. In questo modo vengono conservati anche la maggior parte dei nutrienti termosensibili. 

Produzione e consumo in Alto Adige

Oltre ai classici prodotti come le mele o l’uva, in Alto Adige si coltivano anche pere, fragole, lamponi, ribes, albicocche, barbabietole, cavolfiori, radicchio e vari tipi di insalate, asparagi bianchi e tanto altro ancora. Per noi che viviamo in questa provincia dovrebbe quindi essere molto semplice consumare ogni giorno frutta e verdura fresche seguendo una dieta sana ed equilibrata. Tuttavia, i dati sulle abitudini alimentari degli altoatesini sono deludenti: solo un adulto su 15 (6,6%) consuma le cinque porzioni consigliate di verdura o frutta al giorno. La media italiana è pari al 10% della popolazione adulta. Se nel 2017, a livello nazionale, il 51,7% degli italiani ha consumato legumi freschi o in scatola almeno una volta alla settimana, nello stesso anno in Alto Adige solo il 25,8% della popolazione li ha mangiati una o più volte alla settimana, mentre quasi un quarto della popolazione (22,5%) non li ha affatto consumati.

Cosa può essere considerato come porzione di frutta e verdura?

  • Le verdure ed i frutti freschi, essiccati, conservati o surgelati sono considerati come una porzione.
  • I succhi di frutta possono essere consumati solo una volta nell’arco della giornata e valgono come una porzione.
  • Legumi come lenticchie e fagioli possono costituite al massimo una porzione al giorno.
  • La frutta secca (ad es. noci, nocciole, mandorle, anacardi, ecc.), dal punto di vista botanico, fa parte della famiglia dei frutti, ma NON viene contata come porzione.
  • Gli ortaggi contenenti amido, come patate, patate dolci o manioca, NON vengono conteggiati come porzioni.
  • Idealmente, il numero di porzioni di verdura dovrebbe essere maggiore del numero di porzioni di frutta (ad esempio, tre porzioni di verdura e due porzioni di frutta).

È possibile scaricare il dépliant informativo "La salute vien mangiando" su www.sabes.it/prevenzione.

Ulteriori informazioni:
„Stili alimentari degli altoatesini 2017“, Astatinfo nr. 23 del 05/2018: https://astat.provincia.bz.it/it/news-pubblicazioni-info.asp?news_action=4&news_article_id=613827 
Epicentro dell’Istituto Superiore di Sanità (basandosi sullo studio PASSI): http://www.epicentro.iss.it/passi/dati/frutta.asp

Informazioni per i media: Ripartizione Comunicazione, Marketing e Relazioni con il Pubblico dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige, tel. 0471 907 138



Altre notizie di questa categoria