Contenuto principale

News

Azienda Sanitaria dell'Alto Adige | 13.05.2021 | 12:28

Anello di congiunzione fra paziente e personale

Con la delibera nr. 383 del 11 maggio 2021 l’Azienda sanitaria dell’Alto Adige ha lanciato un progetto pilota volto a garantire un clima migliore per le persone in attesa al Pronto soccorso: attraverso la Croce Rossa, un gruppo di volontari addestrati sarà stabilito come anello di congiunzione tra i pazienti/parenti e il personale. Il progetto viene lanciato all'Ospedale di Bolzano.

Anello di congiunzione fra paziente e personaleZoomansichtAnello di congiunzione fra paziente e personale

La ragione dietro a questa decisione è l'alto numero di pazienti che si reca ogni giorno al Pronto soccorso più grande dell'Alto Adige: vengono assistite circa 230 persone al giorno. I collaboratori e le collaboratrici del servizio fanno del loro meglio per essere disponibili con consigli e assistenza alle persone in attesa, ma non sempre riescono a farlo a causa del poco tempo. “Per noi quindi era importante fornire loro qualcuno che potesse, per esempio, calmare le persone, ottenere informazioni per loro, dare loro una guida o anche solo portargli un caffè o dell'acqua su richiesta - queste sono piccole cose che contribuiscono molto alla de-escalation e a una atmosfera migliore, soprattutto nelle ore di punta", dice il Direttore generale Florian Zerzer, che desidera ringraziare in particolare la Direttrice tecnico-assistenziale Marianne Siller, che ha avuto un ruolo importante nella creazione del servizio.

Anche l’Assessore Thomas Widmann accoglie con favore l'iniziativa: "Spesso nascono insicurezze o paure, ma anche comportamenti aggressivi proprio perché nessuno ha il tempo di rispondere a chi sta aspettando - vogliamo creare un servizio di volontariato che sia di beneficio al personale, ai pazienti e ai parenti."

Il servizio, impiegato preferibilmente nelle ore di punta, è coordinato dalla Croce Rossa. I volontari ricevono una formazione, per imparare dettagli sull'istituzione dell'Ospedale e sulla protezione dei dati e l'igiene, oltre ad argomenti come le capacità di conversare e la comunicazione non verbale.

L'attivazione di questo servizio fa parte di un concetto di miglioramento del Pronto soccorso dell'Ospedale di Bolzano. Questa iniziativa mira a migliorare la qualità percepita - non sempre misurabile, ma importante per la sensazione di calore e umanità. Se il concetto avrà successo, potrà essere esteso ad altri pronti soccorsi.

Informazioni per i media:
Rip. Comunicazione, Azienda sanitaria dell'Alto Adige

(SF/GT)



Altre notizie di questa categoria