Contenuto principale

News

Vaccinazione Anti Covid - Comunicato dell'Azienda sanitaria | 17.09.2021 | 17:12

Vaccinazione contro il coronavirus - Quota 70 tra la popolazione vaccinabile

Con il termine 16 settembre 2021, è stata raggiunta in Alto Adige quota 70 per cento nell’ambito della vaccinazione contro il coronavirus. Questo significa che più di due terzi di questo gruppo di persone sono già interamente vaccinati. A fronte del prossimo inverno la parola d'ordine è: “Non lasciarsi andare!”

Foto: 123rfZoomansichtFoto: 123rf

Se si prende l’intero numero di abitanti dell’Alto Adige come base di calcolo – su cui si calcola poi la quota di vaccinati – la percentuale dei vaccinati è adesso del 61,4 %. Espresso in numeri assoluti questo significa che 328.469 altoatesini e altoatesine dispongono già dell’integrale protezione vaccinale della doppia dose. Di tutti i 346.015 cittadini e cittadine – che costituiscono il 64,6 per cento – sono perlomeno in parte protetti grazie alla prima dose vaccinale.

Prendendo nuovamente come base di calcolo la percentuale vaccinabile della popolazione altoatesina, questa quota cresce addirittura al 73,7 per cento.
Il numero complessivo delle dosi somministrate dall’inizio della vaccinazione contro il coronavirus ora ammonta in Alto Adige a 638.005. Si tratta di 346.045 prime dosi e 291.990 seconde dosi.
Malgrado questi numeri imponenti a sei cifre si deve dire: non è ancora sufficiente.
Esperti del Robert Koch Institut in Germania partono dal presupposto che nei confronti della variante Delta del coronavirus altamente contagiosa sia necessaria perlomeno una quota di vaccinati dell’85 per cento per arrestare la pandemia. Questo significa non allentare gli sforzi nella vaccinazione, dato che non rimane molto tempo.

L’Assessore Thomas Widmann: “Nel frattempo il 70 per cento della popolazione oltre ai 12 anni vaccinabile è completamente immunizzata. Per tutti i gruppi di persone non protette il rischio di una malattia dovuta al Covid rimane elevato, a questo contribuisce anche la variante Delta più aggressiva. Riguardo all’autunno diventa sempre più importante disporre di un’affidabile protezione vaccinale. Pertanto, continueremo ancora con la nostra offerta vaccinale facilmente fruibile: utilizzatela!”

Il Direttore generale Florian Zerzer: “Nel frattempo sono state somministrate a livello mondiale cinque miliardi di dosi vaccinali. Questo dimostra che la vaccinazione contro il coronavirus è sicura ed efficace. Non c’è motivo di esitare a decidersi per la vaccinazione. Faccia la cosa giusta e si decida per la vaccinazione, cosicché noi come comunità trascorreremo bene questo inverno”.

L’offerta vaccinale in Alto Adige è tuttora ampia e molto accessibile. A Bolzano ed Ora sono stati immediatamente istituiti nuovi centri vaccinali in sostituzione del centro vaccinale ora chiuso nella Fiera di Bolzano, che almeno una volta a settimana offrono una giornata a vaccinazione libera e altrimenti su prenotazione.
Anche presso la Libera università di Bolzano c’è almeno fino al 14 ottobre tutti i giovedì un Open Vax Day, aperto per l’intera popolazione.
Anche i restanti centri vaccinali in Alto Adige offrono giornate in cui si somministra il vaccino, inoltre il giro dei Vaxbus è stato prolungato. Due autobus fanno il proprio tour attraverso l’Alto Adige ancora perlomeno fino alla fine di settembre. Anche lì si vaccina senza prenotazione.

Le fermate esatte dei Vaxbus, nonché i luoghi e gli appuntamenti di tutte le offerte di vaccino possono essere come sempre consultate sotto www.vaccinazioneanticovid.it

Naturalmente gli appuntamenti per il vaccino possono essere anche prenotati nei centri vaccinali, online su https://sanibook.sabes.it/ oppure telefonicamente dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 16:00 presso il Centro unico di prenotazione provinciale: tel. 0471 100999 o 0472 973 850.

Il report attuale del vaccino – i dati più importanti in breve
Di seguito descriviamo i numeri più importanti (situazione al 16/09/2021) riguardanti le vaccinazioni in Alto Adige già somministrate.

Vaccinazioni in totale (in paragone all’ultima settimana)
Dosi di vaccino somministrate: 638.005 (+6.909)
Prime dosi: 346.015 (+3.505)
Seconde dosi: 291.990 (+3.404)
Persone interamente vaccinate: 328.469 (+3.959)

Vaccinazioni suddivise per gruppi di popolazione

Persone con più di 80 anni
Questo gruppo di persone comprende 33.732 persone
Prima dose: 28.818
Seconda dose: 26.686

Persone con più di 70 anni
Questo gruppo di persone comprende 46.417 persone
Prima dose: 40.216
Seconda dose: 35.924

Persone con più di 60 anni
Questo gruppo di persone comprende: 58.927 persone
Prima dose: 48.604
Seconda dose: 42.425

Persone sopra 50 anni
Questo gruppo di persone comprende: 84.804 persone
Prima dose: 65.139
Seconda dose: 56.546

Persone sopra 40 anni
Questo gruppo di persone comprende: 74.448 persone
Prima dose: 54.803
Seconda dose: 46.097

Persone sopra 30 anni
Questo gruppo di persone comprende: 63.481 persone
Prima dose: 42.893
Seconda dose: 34.221

Persone sopra 20 anni
Questo gruppo di persone comprende: 61.285 persone
Prima dose: 41.836
Seconda dose: 33.452

Persone di 16-19 anni
Questo gruppo di persone comprende: 23.242 persone
Prima dose: 15.056
Seconda dose: 11.364

Persone di 12-15 anni
Questo gruppo di persone comprende: 23.121 persone
Prima dose: 8.650
Seconda dose: 5.275

Persone che sono protette da un’infezione, poiché sono vaccinate, rispettivamente risultate positive al test negli scorsi 3 mesi: gruppo 80+: 85,7%; 70+: 86,8%; 60+: 82,8%; 50+: 77,3%; 40+: 74,3%; 12-39: 64,7%.

Vaccinazioni suddivise per tipologia di vaccino
Pfizer BioNTech
Prima dose 242.693
Seconda dose: 216.728

Moderna
Prima dose 32.045
Seconda dose: 29.727

Vaxzevria (ex AstraZeneca)
Prima dose: 60.444
Seconda dose: 45.535

Johnson & Johnson
Prima dose: 10.833

Consegne attese: (13.09. – 27.09.2021)
Pfizer BioNTech: 11.700 dosi
Moderna: 0 dosi
Vaxzevria (ex AstraZeneca): 0 dosi
Johnson & Johnson: 0 dosi
Complessivamente: 11.700 dosi

Informazioni sulla campagna vaccinale e prenotazioni: www.vaccinazioneanticovid.it

Informazioni per i media: Ripartizione Comunicazione, Azienda sanitaria

(PAS/FV)



Altre notizie di questa categoria