Contenuto principale

Mammografia

Mammografia clinica (chiarimento di un sospetto clinico)

Dove: Ospedale, Centro Senologico, piano rialzato a destra.
Quando: Su richiesta
Prenotazione: Centro Unico di Prenotazione, tel. 0473 264 000
Accesso: Impegnativa del medico di famiglia o specialista
Indicazione: La mammografia è indicata come chiarimento di processi degenerativi sospetti a carico del seno. In particolare, si tratta di mutamenti come ad esempio noduli, retrazioni del tessuto cutaneo, retrazioni del capezzolo, secrezioni dal capezzolo e ingrossamenti a carico dei linfonodi ascellari. Per le donne comprese nella fascia di età tra i 50 ed i 69 anni è utilizzata come esame preventivo da ripetersi ogni due anni (mammografia di screening). L’esistenza di familiarità (tumore al seno della madre o della sorella) è considerato un fattore di rischio di rilievo. Nel caso di pazienti già operate al seno, la mammografia è utilizzata al fine di riconoscere tempestivamente eventuali recidive della malattia. Nel corso dei primi 5 anni seguenti all’intervento, la mammografia va ripetuta annualmente.

Mammografia di screening (prevenzione)

Dove: Ospedale, Centro Senologico, piano rialzato a destra
Quando: Su richiesta
Prenotazione: Centro Unico di Prenotazione, tel. 0473 264 000
Accesso: La richiesta del medico non è necessaria in quanto le pazienti vengono invitate alla mammografia di screening già dal programma di screening provinciale mediante lettera.

Come funziona la mammografia?

Per esaminare radiologicamente il seno si utilizzano, a differenza delle altre indagini radiologiche, radiazioni a bassa energia. Solo grazie a questo tipo di radiazioni è possibile ottenere una differenziazione ottimale (contrasto) tra le diverse parti molli del seno che per la loro densità si presentano molto simili. Questa radiazione viene prodotta dalla macchia focale del tubo radiogeno. Con dei filtri si filtrano le radiazioni ottimali per l’esame radiologico. È necessario un fuoco piccolo poiché solo così è possibile la rappresentazione precisa di strutture molto sottili (microcalcificazioni 0,1 mm). Per migliorare la qualità dell’immagine, è necessario evitare qualsiasi movimento del seno durante l’esecuzione dell’esame. Per ogni mammografia, vengono effettuate due radiografie per seno. In caso di dubbi, si possono eseguire ulteriori proiezioni.

Come si esegue l'esame mammografico?

Durante l’esame mammografico, la paziente viene assistita da un tecnico sanitario di radiologia medica. Non è necessaria alcuna preparazione particolare. E’ opportuno comunque non utilizzare deodoranti o talchi il giorno dell’esame. Gli esami preventivi sarebbero da eseguirsi preferibilmente durante il periodo della prima metà del ciclo, dato che in questo periodo la compressione del seno risulta meno dolorosa ed anche perché si possa escludere una eventuale gravidanza. Alla mammografia non sono connesse complicazioni.

Non è necessario nessun mezzo di contrasto. Soltanto nel caso in cui si presenti una secrezione a carico del capezzolo, può essere utilizzato del mdc, che viene inserito attraverso una fine sonda nel dotto galattoforo. Per migliorare la qualità dell’immagine, è da evitarsi qualsiasi movimento del seno durante l’esecuzione dell’esame. Il seno da esaminare viene posizionato e compresso tra la cassetta che contiene la pellicola ed un tubo di plexiglas. Questa compressione, non solo diminuisce gli artefatti da movimento durante l’esecuzione della radiografia, ma aumenta altresì il contrasto e la rappresentazione di micro-strutture. Una buona compressione diminuisce il carico di radiazioni e dura solo poco tempo.

Controindicazioni di una mammografia

Nella mammografia non sono date assolute controindicazioni. In ogni modo, prima dei 35 anni, ed in particolare prima dei 20 anni, è opportuno eseguire una mammografia solo nel caso in cui sussista un forte e fondato sospetto tumorale, per evitare un’inutile esposizione alle radiazioni.
In prima linea, si dovrebbe cercare di effettuare una diagnosi ecografica. Nel caso di protesi mammaria dopo mastectomia, l’indagine mammografica non ha molto senso. Nel caso invece di una protesi per ingrandire il seno, si esegue l’esame per escludere un processo tumorale a carico del seno.