Contenuto principale

FAQ - Domande e risposte

Ricerca

[Vaccinazione Covid-19 – I vaccini disponibili]

Come funziona il vaccino vettoriale?

Il vettore (portatore) contiene parti del virus attenuato. Il vaccino vettore viene iniettato, il corpo riconosce il virus indebolito come una minaccia e inizia a produrre anticorpi contro di esso.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 10.02.2021

[Vaccinazione Covid-19 – I vaccini disponibili]

Com’è stato possibile sviluppare questi vaccini in così breve tempo?

Vi sono diverse ragioni. Da un lato, è stato messo a disposizione molto denaro. Questo significa che un gran numero di ricercatori è stato in grado di condurre ricerche in modo parallelo e quindi sviluppare più rapidamente il vaccino. Allo stesso tempo, di solito, per poter testare un vaccino bisogna aspettare che un certo numero di persone si ammali. In una pandemia come questa, dove la gente si infetta continuamente, i test possono anche essere compiuti più velocemente.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 05.02.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Perché è consigliato farsi vaccinare?

Di fatto, nei bambini e negli adulti giovani un’infezione da Covid-19 decorre solitamente senza grandi problemi. Tuttavia, anche in questa fascia d’età possono verificarsi delle complicanze, anche gravi, con la necessità di un ricovero in ospedale e lunghi trattamenti medici intensivi.La probabilità di un decorso grave della malattia, però, aumenta soprattutto nelle persone dai 65 anni in su o negli adulti con fattori di rischio come obesità, diabete, pressione alta, malattie croniche del cuore o dei polmoni, tumore o trattamento immunosoppressivo. Inoltre, nessuno può ancora stimare le conseguenze a lungo termine per chi contrae il Covid-19 anche con sintomi lievi. C’è una crescente evidenza che un’infezione da Covid-19 possa addirittura provocare danni alla salute, anche a lungo termine.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 01.02.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Quanto sono efficaci i vaccini dopo sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale?  

Ecco le stime dell'efficacia vaccinale dell’ISS relative al periodo dal 4 aprile (approssimativamente la data in cui la vaccinazione è stata estesa alla popolazione generale) al 24 novembre 2021.

Dopo sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale, l’efficacia nel prevenire qualsiasi diagnosi (sintomatica o asintomatica) di COVID-19 rispetto ai non vaccinati cala dal 72 al 40%.
Rimane elevata l’efficacia vaccinale nel prevenire casi di malattia severa, in quanto l’efficacia per i vaccinati con ciclo completo da meno di sei mesi è pari al 91% rispetto ai non vaccinati, mentre risulta pari all’81% per i vaccinati con ciclo completo da oltre sei mesi rispetto ai non vaccinati.

Fonte: Ministero della Salute, Azienda Sanitaria dell'Alto Adige; data: 01.12.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Sono insicuro nella decisione di vaccinarsi. Cosa posso fare?

Accettate pienamente i vostri dubbi. Questa incertezza iniziale è spesso espressione del fatto che qualcosa è molto importante e deve essere deciso nel modo più ponderato possibile. Cercate fonti di informazione il più possibile affidabili come rinomati giornali, Radio- o Telegiornali di canali pubblici, programmi con contributi di noti scienziati. Parlate con persone che vi possono consigliare attraverso la loro esperienza di vaccinazione, loro possono dirvi esattamente quali effetti collaterali hanno notato. Ricordate: Potreste sentire effetti collaterali, ma non sentirete la protezione del vaccino. Tuttavia, può salvare la propria vita e quella di molti altri. Aiuto riceverete anche sul sito "non sei da solo".

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 12.04.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Il vaccino potrebbe provocare la malattia COVID-19?

Assolutamente no. Nessuno dei vaccini approvati dall'Aifa può causare il Covid.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige; data: 08.04.2022

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Il vaccino può alterare il DNA?

BioNTech Pfizer e Moderna: Gli RNA messaggeri di questi vaccini non possono modificare il nostro codice genetico perché esso è ben protetto nel nucleo delle nostre cellule, dove l’RNA messaggero non può entrare. Quindi non stiamo parlando di terapia genica.
Vaxzevria (ex AstraZeneca): Anche questo vaccino vettore non altera i geni umani. Il portatore (vettore) contiene DNA, ma non ha le proprietà necessarie per potersi integrare nel genoma umano.
Johnson & Johnson: No, questo vaccino non altera il DNA presente nei cromosomi umani. Il DNA del vettore virale, che è un adenovirus umano modificato in modo che non è più in grado di riprodursi nelle cellule dell'uomo.
Nuvaxovid (Novavax) No. Rispetto agli altri, poi, il Nuvaxovid è un vaccino a base proteica; una tecnologia già sperimentata da anni. 

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 08.04.2022

[Vaccinazione Covid-19 - La procedura]

Come viene somministrato il vaccino?

BioNTech Pfizer: il vaccino dev'essere diluito in modo tale che con un flaconcino si ottengano sei dosi di vaccino.
Moderna: il vaccino non dev'essere diluito.
Vaxzevria (ex AstraZeneca) e Johnson & Johnson: anche questi vaccini non devono essere diluiti.
Nuvaxovid (Novavax): una sola fiala contiene dieci dosi pronte all'uso senza quindi necessità di diluirle. Una volta aperta, le dosi sono utilizzabili per 6 ore.
 
Tutti questi vaccini vengono somministrati tramite un'iniezione nel muscolo della parte superiore del braccio.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 08.04.2022 

[Vaccinazione Covid-19 - La procedura]

Chi eseguirà la vaccinazione?

La vaccinazione sarà effettuata esclusivamente da operatori sanitari esperti nelle tecniche di vaccinazione.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 01.02.2021

[Vaccinazione Covid-19 - La procedura]

Cosa succede alle dosi di vaccino di una fiala aperta se le persone prenotate non si presentano all'appuntamento?

Per evitare lo spreco di dosi vaccinali, se queste ultime non possono essere conservate fino al giorno successivo, alla fine della giornata vengono eccezionalmente somministrate alle persone disponibili in quel momento, sempre sulla base delle priorità come previsto dal calendario vaccinale nazionale e successive raccomandazioni. Questo significa, per esempio, che possono essere vaccinate persone che rientrano nella stessa categoria prioritaria o che appartengono a gruppi per i quali sono già aperte le vaccinazioni.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 22.03.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Il piano vaccinale]

Quante volte si viene vaccinati?

BioNTech Pfizer: il vaccino viene somministrato due volte, a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra. In casi particolari, durante l'anamnesi la distanza può essere ridotta. La massima efficacia è stata dimostrata dopo una settimana dalla seconda dose.
Moderna: il vaccino viene somministrato due volte, a distanza di almeno 28 giorni l'una dall'altra. In casi particolari, durante l'anamnesi la distanza può essere ridotta. La massima efficacia è stata dimostrata dopo due settimane dalla seconda dose.
Vaxzevria (ex AstraZeneca): il vaccino viene somministrato due volte, a distanza di 3 mesi l'una dall'altra. La massima efficacia è stata dimostrata dopo due settimane dalla seconda dose. Le persone di età inferiore ai 60 anni che hanno ricevuto la prima dose di Vaxzevria riceveranno la seconda vaccinazione con un vaccino mRNA, in base alla circolare del Ministero della Salute dell’11.06.2021.
Johnson & Johnson: è necessaria una sola dose di vaccino e la massima efficacia è stata dimostrata due settimane dopo la vaccinazione.
Nuvaxovid (Novavax): al momento sono previste unicamente due dosi da effettuare a distanza di tre settimane l'una dall'altra.  

Con l'incremento del numero di infezioni, una dose di richiamo (booster) 4 mesi dopo la fine del ciclo di vaccinale è molto importante, anche per quelle persone che sono state vaccinate solo una volta con il vaccino Janssen.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.04.2022

[Vaccinazione Covid-19 - La procedura]

Perché gli intervalli tra le due dosi della vaccinazione sono diversi a seconda del tipo di vaccino?

In parte dipende da come il corpo reagisce al vaccino e in parte dagli studi. I produttori hanno testato il proprio vaccino e in base a questo hanno indicato la linea d'azione più efficace.

Fonte: Azienda sanitaria dell'Alto Adige, Agenzia italiana del farmaco, Infovac; data: 05.02.2021

[Vaccinazione Covid-19 - La procedura]

Se si contrae il Covid tra la prima e la seconda dose, ci deve completare lo stesso il ciclo vaccinale? Cosa succede con il Green Pass?

Se si contrae il Covid-19 dopo la somministrazione della prima dose di un vaccino che ne prevede due per completare il ciclo primario, e l'infezione da Covid-19 è avvenuta oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino (fa fede la data del primo test molecolare positivo), si riceverà la Certificazione verde COVID-19 per completamento del ciclo primario insieme al Green Pass per guarigione.

Se si contrae il Covid-19 entro quattordici giorni dalla somministrazione della prima dose di vaccino, per ricevere il Green Pass di ciclo vaccinale primario completato è necessaria una seconda dose da effettuare entro 180 giorni dall'infezione (fa fede la data del primo test molecolare positivo).

Fonte: Ministero della Salute, Azienda sanitaria dell'Alto Adige; data: 13.08.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Sicurezza ed efficacia del vaccino]

Quanto dura la protezione indotta dal vaccino?

Allo stato attuale, l’esatta durata della protezione offerta dal vaccino non è nota. Infatti, sono tuttora in corso gli studi clinici volti a stabilirla. La maggior parte delle sperimentazioni cliniche condotte sui vaccini autorizzati prevede che le persone vaccinate siano monitorate per 2 anni, ciò al fine di raccogliere maggiori informazioni sulla durata della protezione.

Tuttavia, dati ottenuti da studi osservazionali mostrano un progressivo declino della protezione offerta dai vaccini riscontrabile a partire da circa 5-6 mesi dal completamento del ciclo vaccinale iniziale, tanto che, proprio in questa finestra temporale è prevista la somministrazione della dose di richiamo. Ad oggi, anche chi è vaccinato deve mantenere le misure di prevenzione previste.

Fonte: Agenzia italiana del farmaco, Azienda sanitaria dell'Alto Adige; data: 01.12.2021

[Vaccinazione Covid-19 - Il piano vaccinale]

Esiste l’obbligo vaccinale?

Dall’8 gennaio 2022 vige l’obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno compiuto 50 anni o che compiano 50 anni entro il 15 giugno 2022.

Per i soggetti in questa fascia di età che alla data del 1° febbraio 2022 non abbiano iniziato il ciclo vaccinale primario, o a decorrere dal 1° febbraio 2022 non abbiano effettuato la dose di completamento del ciclo vaccinale primario (entro i termini previsti), o non abbiano effettuato la dose di richiamo entro i termini di validità del green pass, è prevista una sanzione pecuniaria di 100 euro. 

Per i lavoratori pubblici e privati con oltre 50 anni di età sarà necessario il Green Pass rafforzato per l’accesso ai luoghi di lavoro dal 15 febbraio 2022 e fino al 15 giugno 2022. 

Fonte: Ministero della Salute, Azienda sanitaria dell'Alto Adige, data: 08.04.2022