Contenuto principale

visual

Sanità2020

Il Servizio Sanitario dell’Alto Adige si trova di fronte a delle grandi sfide. Per contrastare il prevedibile aumento dei costi sono necessarie apposite misure. E tali misure devono già essere messe in atto in modo che, anche nel 2030, l’Alto Adige possa continuare a contare su un Servizio Sanitario efficiente e di alta qualità.

News

Azienda Sanitaria dell’Alto Adige | 23.11.2017

(d.s.) Christoph Matzneller, Martha Stocker und Marianne Siller

Parte l’assistenza centrata sulla famiglia

Il progetto pilota di "Assistenza familiare" promosso dall’Azienda sanitaria dell’Alto Adige sta per segnare l’inizio di una nuova era che migliorerà ulteriormente la qualità dell’assistenza nella pratica infermieristica erogata presso i distretti sanitari. Il progetto è stato presentato oggi (23.11.2017) nel corso di una conferenza stampa.


Azienda Sanitaria dell’Alto Adige | 16.11.2017

Ospedale di Bressanone

“Caso Anthony”: calpestati i diritti dei minori

Il caso è ormai già noto: ieri (15 novembre) una giornalista di una testata nazionale si è introdotta senza autorizzazione nel reparto di pediatria dell’Ospedale di Bressanone per fare delle riprese di un bambino profugo ivi ricoverato. Il bimbo è stato trovato due giorni fa, solo ed in grave stato di ipotermia, nel ripiano sottostante di un vagone merci nella stazione del valico del Brennero. Il Dipartimento alla Sanità ed i vertici dell’Azienda sanitaria provinciale fanno appello ai media affinché rispettino le leggi vigenti e le regole prescritte dall’Ordine dei giornalisti per la tutela dei minori.


altre notizie

Potenziare l’assistenza sanitaria sul territorio

.

L’assistenza sanitaria deve essere orientata al fabbisogno e vicina al luogo di residenza. Il medico di base è il primo punto di riferimento per le persone, offre l’assistenza medica primaria, apre l’accesso alle prestazioni specialistiche e/o al ricovero in ospedale e agevola le pazienti e i pazienti nel rientro nella propria vita quotidiana. > Leggi di più

Mantenere le 7 strutture ospedaliere

.

In linea con la direttiva dell’accordo di coalizione 2013-2018, il sistema ospedaliero in Alto Adige continuerà ad operare con i sette ospedali esistenti. In considerazione dello sviluppo della medicina, del sempre più crescente fabbisogno di medici specialisti e del necessario contenimento dei mezzi finanziari, sarà ottimizzata l’attuale offerta delle prestazioni mediche con un ampliamento della rete tra gli ospedali. > Leggi di più

Ottimizzare l’organizzazione aziendale e i processi

.

Nella prima fase del processo di riforma, erano stati rilevati e analizzati nel dettaglio i diversi livelli di erogazione delle prestazioni nell’ambito del sistema sanitario altoatesino. Sia i gruppi di lavoro preposti e i responsabili nei Comprensori sanitari, come anche le collaboratrici e i collaboratori dell’Azienda e le diverse associazioni e organizzazioni hanno presentato proposte per il miglioramento dell’organizzazione. > Leggi di più

Riorganizzare la struttura dirigenziale e amministrativa

.

La riforma strutturale del 2007 ha riunito le quattro aziende, che fino allora operavano autonomamente, nell’unica Azienda Sanitaria dell’Alto Adige. I quattro Comprensori sanitari avevano comunque mantenuto una larga autonomia, che gravava sullo sviluppo strategico e unitario dell’Azienda stessa. > Leggi di più


Navigazione secondaria

Situazione di partenza

Il Servizio Sanitario si compone di un’Azienda sanitaria dell’Alto Adige (Asdaa) a cui fanno capo i quattro Comprensori sanitari.
All’interno dei Comprensori operano sette ospedali e sono state stipulate delle convenzioni con cinque strutture private, tra cliniche e centri per la riabilitazione. 20 distretti sanitari, 273 Medici di Medicina Generale nonché 61 Pediatri di Libera Scelta erogano assistenza sanitaria sul Territorio. A questo si aggiungono anche le 119 farmacie, le organizzazioni di pronto intervento, i medici specialisti privati, le associazioni dei/delle pazienti ed i gruppi di autoaiuto.
Nell’anno 2013 la spesa sostenuta dal Servizio Sanitario dell’Alto Adige è stata pari a 1.256,110 milioni di euro.

Piano sanitario provinciale

.Il Piano sanitario provinciale 2016-2020 è un importante strumento di indirizzo per reimpostare l'assistenza sanitaria in Alto Adige: una guida strategica per il coordinamento e la riorganizzazione dei servizi e delle prestazioni di tutela, di promozione e di recupero della salute.

Piano sanitario provinciale 2016-2020 [PDF]

Salute 2020. Sicurezza. Assistenza. Qualità. [PDF]