Contenuto principale

Un'ora per l'Africa

.In Africa, la mortalità materno-infantile è purtroppo ancora molto alta, i parti avvengono spesso in condizioni igieniche precarie e senza adeguata assistenza medica. Ogni 90 secondi, a livello mondiale, una donna perde la vita per complicazioni durante la gravidanza o il parto.

Le organizzazioni di volontariato non governative Medici dell'Alto Adige per il Terzo Mondo e Gruppo Missionario "Un pozzo per la vita" Merano hanno lanciato l’iniziativa di solidarietà “Un’ora per l’Africa - Solidarietà per un parto sicuro”. Obiettivo del progetto è quello di aiutare le donne che si rivolgono agli ospedali di Attat in Etiopia e N‘Dali in Benin per mettere al mondo i propri figli.

L’Azienda sanitaria dell'Alto Adige desidera sostenere questo progetto invitando ogni collaboratore ed ogni collaboratrice a donare una o più ore del proprio stipendio per garantire, con questo gesto, un parto sicuro a una mamma africana.

La donazione: quando e come

L'iniziativa parte il 16 dicembre 2013 e si conclude il 28 febbraio 2014.

Partecipare all’iniziativa è molto semplice: alle/ai dipendenti interessate/i basta compilare il modulo per la donazione ed inviarlo all’Ufficio Stipendi del proprio Comprensorio sanitario di appartenenza. L’importo donato (corrispondente al netto di una o più ore di straordinario) sarà detratto dalla busta paga nei mesi successivi alla conclusione del progetto. Le ore di straordinario maturate e indicate nel tabulato delle timbrature non vengono detratte.

.


Quanto è possibile donare

Ogni dipendente può donare una o più ore del proprio stipendio.
L‘importo corrispondente ad ogni ora donata è pari al valore di un‘ora di straordinario calcolata per i diversi profili professionali secondo la seguente suddivisione:

  • terza qualifica funzionale 13,00 euro
  • quarta/quinta qualifica funzionale 14,50 euro
  • sesta qualifica funzionale 15,50 euro
  • settima qualifica funzionale 17,00 euro
  • qualifica funzionale 7bis 18,00 euro
  • ottava e nona qualifica funzionale 19,50 euro
  • qualifica di dirigente e medico 30,00 euro

Gli importo sono stati calcolati al netto. Le ore di straordinario maturate e indicate nel tabulato delle timbrature non vengono detratte. Ogni collaboratrice/collaboratore deve scegliere l’importo corrispondente alla propria qualifica funzionale.

Per questa donazione non sarà possibile fruire del beneficio della detrazione/deduzione fiscale in sede di dichiarazione dei redditi.


A chi viene devoluta la donazione?

L'Ospedale di Attat in Etiopia è un ospedale missionario. Si trova in un territorio agricolo nella regione di Gurage, 180 km a sud-ovest di Addis Abeba. Con soltanto 65 letti e 5 medici è l’unico ospedale per un bacino di utenza di un milione di abitanti.
I Medici dell’Alto Adige per il Terzo Mondo sostengono l’ospedale dal 2007. L’aumento delle attività chirurgiche e dei parti richiedono la costruzione di una nuova chirurgia con due sale operatorie e di una maternità con sala parto e preparto.

.        

Inaugurato nel settembre 2012, l’Ospedale "San Padre Pio" di N'Dali nel Nord Benin è gestito da una fondazione che fa capo alla diocesi locale. Finanziata quasi interamente dal Gruppo Missionario “Un pozzo per la vita” Merano, la costruzione del complesso ospedaliero è stata parzialmente completata, tanto da consentire l’avvio di alcuni reparti nell’estate del 2012. Attualmente sono operative le unità di Pediatria, Ginecologia e Ostetricia, Medicina generale, Laboratorio e Farmacia.
Una volta completato, l'ospedale disporrà di 200 posti letto.

.